POTENZIAMENTO BENI CULTURALI

 

 

Perché
questo
percorso

Perché riteniamo che compito della scuola sia anche quello di educare alla coscienza della tutela e valorizzazione della straordinaria bellezza naturale del nostro paese e del suo immenso patrimonio storico-artistico.

Perché l’istruzione classica è sede privilegiata per formare, nelle nuove generazioni, il valore della tutela della bellezza e riappropriarsi di quella cultura millenaria, tramandataci dai Greci e dai Romani, di armonia ed equilibrio tra uomo e natura.

Come
si struttura

 

Il potenziamento prevede, a fianco delle discipline curricolari, momenti di conoscenza e approfondimento di tematiche legate ai beni culturali e alla loro tutela e valorizzazione: l’attività si svilupperà in 10 moduli, 5 destinati alle IV ginnasio e tre alle V, per un totale di 32 ore extracurricolari annuali, dal 15 ottobre al 15 maggio; sono inoltre previsti, in orario curricolare e all’interno dell’insegnamento di scienze naturali, altri 2 moduli, uno per ciascuna classe del biennio.

E’ prevista la collaborazione con Sovrintendenze, Consulta per la valorizzazione del Beni Artistici e Culturali di Torino, Enti e Associazioni impegnate nella salvaguardia del nostro patrimonio artistico e culturale.

 

 

IV ginnasio:

  • MODULO 1
    Dietro le quinte della storia ufficiale: la vita quotidiana dei Greci e dei Romani
  • MODULO 2
    Urbanistica e architettura greca
  • MODULO 3
    La comunicazione attraverso l’immagine
  • MODULO 4
    Storia del libro: dal papiro all’ebook
  • MODULO 5 (in orario curricolare)
    Il paesaggio come bene culturale: salvaguardia del nostro territorio

 

 

 

 

V ginnasio:

  • MODULO 1
    Il mestiere dell’archeologo: interpretare il passato
  • MODULO 2
    Professione detective: il mestiere dell’epigrafista (Elementi di epigrafia greca e latina con
    esercitazioni
  • MODULO 3
    I Musei raccontano: elementi di museologia e museografia
  • MODULO 4
    Urbanistica e architettura romana
  • MODULO 5 (in orario curricolare)
    La chimica delle soluzioni e il consolidamento dei terreni nei beni culturali

 

   

I liceo:

  • MODULO 1
    Il patrimonio dell'Unesco. I siti del Piemonte
  • MODULO 2
    Il museo Egizio come centro di ricerca
  • MODULO 3
    Il Piemonte romano e Torino
  • MODULO 4
    I longobardi in Piemonte
  • MODULO 5 (in orario curricolare)
    Minerali e rocce nei beni culturali : il loro utilizzo e la loro alterazione.
   

II liceo:

  • MODULO 1
    Torino: i monumenti raccontano. La storia della prima capitale d'Italia attraverso marmi e bronzi
  • MODULO 2
    Il manierismo in Piemonte:I sacri monti come patromonio dellUnesco
  • MODULO 3
    Architettura barocca in Piemonte e a Torino
  • MODULO 4
    Torino tra sei e settecento: la nobiltà sabauda e il popolo nelle opere della Galleria Sabauda
  • MODULO 5 (in orario curricolare)
    Batteri e biotecnologie applicate al recupero e salvaguardia dei beni culturali

A chi è
rivolto

A tutti gli studenti interessati a conoscere, nel suo contesto ambientale, la straordinaria eredità lasciataci dal passato, coniugandola con il presente e preservandola per il futuro.

 

 

"Le opere d'arte riguardano l'Essere, la civiltà, lo spirito di un popolo. Sono vita, sono parte della nostra vita, del nostro spirito: non si possono perdere senza sentirsi mutilati, menomati nello spirito. Se un capolavoro d'arte si distrugge, è una zona della nostra memoria che si oscura" (Londra 30 marzo 1951).

Piero Calamandrei

 

 

|||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||